Homeless not dogless onlus aiuta i proprietari dei cani in quarantena a Torino con il progetto “Io resto a casa”

UNIAMO DOVE LA VITA DIVIDE

Homeless not dogless onlus aiuta i proprietari dei cani in quarantena a Torino con il progetto “Io resto a casa”

quotidiano piemontese

Con il motto “nessuno rinuncia ad un amico”, Homeless not dogless onlus opera insieme alla Unità di crisi della Protezione Civile a Torino per assistere i cani costretti in casa perché il proprietario è in quarantena a casa, ricoverato in ospedale o un soggetto fragile. L’organizzazione si batte perché avere un cane non sia un privilegio di pochi e proprio in questo periodo di necessità si è mossa assicurando visite domiciliari alle famiglie fragili con cane, accompagnamento sostitutivo nelle aree verdi dell’associazione, assistenza veterinaria, ospitalità notturna o diurna dei cani nel caso in cui il proprietario sia ricoverato o posto in quarantena.

L’associazione da quasi dieci anni opera attivamente con i Servizi sociali, il Servizio Adulti in difficoltà e l’Ufficio Tutela animali del Comune di Torino, le Asl e il Tribunale per il benessere dei cani e dei loro padroni, qualunque sia il loro status sociale e ci riesce perché “il cane ricco paga il cane povero”. Infatti, con le donazioni sia materiali che di denaro, ricavate da attività per “cani benestanti”, l’associazione crea un sistema di welfare per i più deboli e svantaggiati.

vedi articolo

 

Call Now ButtonChiama ora